fbpx
 

Brexit: il leader populista propone un secondo referendum

Brexit: il leader populista propone un secondo referendum

Theresa May le ha provate tutte ma pare proprio che il divorzio con l’Ue non sia più così scontato.

Jeremy Corbyn il leader del partito di opposizione britannica propone una nuova strada per il futuro della UK ovvero quello di un nuovo referendum. Il premier Theresa May ha proposto la modifica per poter riconquistare il consenso perso, i conservatori ribelli e il partito del nord dell’Irlanda che la sostiene oltre mare. Un accordo non scontato e odiato da quest’ultima.

I laburisti non sembrano però siano intenzionati a cedere di un passo. Hanno infatti presentato al governo May un emendamento per costringere a dare tempo al parlamento e di votare per impedire l’uscita dalla Ue. Due opzioni sono state presentate dai laburisti o un’unione doganale permanente con la Ue e «un voto pubblico su un accordo». Due opzioni rifiutate dalla May.

 

Cautela arriva dai sostenitori del secondo referendum e non è del tutto sicuro che in Parlamento ci siano i numeri per portare avanti la proposta laburista. Ci sono alcuni del partito di opposizioni preoccupati dalle conseguenza che un ripensamento degli elettori possa causare al paese. Inoltre c’è anche una possibilità che questa mossa, quella del referendum, possa aiutare la May a riprendere consensi e ottenere un accordo in parlamento.

“Se la prospettiva di un secondo referendum diventa reale – e i sondaggi continuano a mostrare che c’è una possibilità che Brexit sia bloccato- allora gli estremisti pro-Brexit potrebbero decidere che l’accordo di May è meglio di una no-Brexit”.

 

Fonte https://www.ilsole24ore.com/ar



CONTATTI

Acconsento al trattamento dei dati personali.