Nuove regole per l’esportazione dei veicoli immatricolati sono entrate in vigore a partire del 1° gennaio 2020 in base all’art. 103 del Codice della Strada che indica ai proprietari dei veicoli la radiazione definitiva del veicolo alla motorizzazione con la consegna di targa e di libretto di circolazione. Per i veicoli esportati in data antecedente, quindi entro il 31 dicembre 2019, è data la possibilità di attuare la radiazione definitiva alla motorizzazione entro 6 mesi. Le nuove modalità per avviare l’iter di esportazione dei veicoli verso paesi sia UE che extra-europeo coinvolgono anche le modalità di trasporto se per esempio vengono trasportati su una bisarca o un carrello.

Dal 1 gennaio 2020 diventa assolutamente necessaria la radiazione dei veicoli, e per essere considerata valida deve essere richiesta anteriormente all’esportazione dei veicoli in modo che i controlli e verifiche possano essere fatte in tempi brevi. Ma l’iter prevede, rispetto al passato, delle ulteriori procedure:

1- la cancellazione può essere disposta solo se il veicolo sia stato sottoposto a revisione con esito positivo negli ultimi sei mesi rispetto alla richiesta;

2- solo fornendo tale documentazione sarà possibile avviare l’iter di esportazione all’estero e sarà di conseguenza emessa la Bolla Doganale, la quale sarà corredata con gli estremi identificativi dei veicolo, numero di Telaio da riportarsi al campo 31 del DAE.

 

Contattaci con Whatsapp whatsapp