News

I diritti doganali si pagano con il pagoPa

By 27 Giugno 2022Ottobre 12th, 2022No Comments

Nella reingegnerizzazione dei processi con progetti transeuropei, ADM non dimentica di applicare la tecnologia anche a processi che, tutto sommato, possono alleggerire la vita quotidiana delle aziende.

È il caso del pagamento degli oneri doganali.

Da sempre e fino al 2011i diritti doganali gravanti sul conto di debito ovvero quel conto che la dogana autorizza, dietro presentazione di una garanzia, e che consente il pagamento dei diritti doganali in modo periodico e differito nel tempo,  avveniva con assegno circolare, non trasferibile, intestato alla tesoreria dello stato e si concludeva con il deposito di detti assegni, alle scadenze concordate ovvero il giorno 8 ed il giorno 23 di ogni mese, all’ufficio cassa della dogana competente per il proprio territorio di appartenenza.

Dal 2011 la prima rivoluzione digitale portò le aziende ad abbandonare, finalmente, l’assegno in favore del bonifico bancario. Quindi sempre alle scadenze di cui sopra, ma questa volta tenendo ben in considerazione i giorni di valuta, i soldi dovevano arrivare alla tesoreria dello stato seguendo scrupolosamente le linee guida ADM nell’impostazione della causale del bonifico affinché potesse venire correttamente imputato il saldo dei diritti al conto di debito utilizzato.

Dal 2021, come stabilito dal Decreto Legge “semplificazione e innovazione digitale”, le Pubbliche amministrazioni hanno integrato tra i propri sistemi di pagamento la modalità del pagoPa, e così, anche il conto di debito è pagabile mediante tale servizio con due vantaggi importanti:

  • Avere immediatamente la quietanza di avvenuto pagamento;
  • Avere immediatamente il riaccredito delle somme versate, quindi senza attendere la valuta.

ADM ha messo appunto una piattaforma “OPERA” dalla quale, previa prenotazione delle somme da versare, si procede al pagamento.

Il vantaggio di questo sistema riguarda anche il pagamento delle dichiarazioni doganali c.d. a pronta riscossione ovvero quelle a cui non è legato un conto di debito. Anche in questo caso, vi è immediatezza nell’esecuzione e nella liberalizzazione della merce.

Entrambi i sistemi, conto di debito e pronta riscossione, possono essere utilizzati da tutti sia spedizionieri doganali che aziende importatrici.

Questi sistemi garantiscono un aspetto molto importante della compliance doganale.

Leave a Reply