News

ICS fase 2: nuovi requisiti per le spedizioni

By 4 Luglio 2022Luglio 21st, 2022No Comments

A decorrere dal 1º marzo 2023 tutti gli spedizionieri, i vettori aerei, i corrieri espressi e gli operatori postali che trasportano merci verso l’Unione europea o attraverso l’Unione europea (comprese la Norvegia e la Svizzera) saranno tenuti a presentare informazioni anticipate sul carico sotto forma di una dichiarazione sommaria di entrata completa (ENS), nell’ambito della seconda fase del nuovo programma doganale dell’UE in materia di sicurezza e sicurezza

Il sistema ICS2 sostiene controlli doganali efficaci basati sul rischio, facilitando al contempo la libera circolazione degli scambi legittimi attraverso le frontiere esterne dell’UE. L’ICS2 semplificherà la circolazione delle merci tra gli uffici doganali nel primo punto di entrata e nella destinazione finale nell’UE. Per gli operatori economici, l’ICS2 snellirà le richieste di informazioni supplementari e il controllo dei rischi prima della partenza da parte delle autorità doganali.

Oltre alle responsabilità di deposito ENS dei vettori aerei nell’ambito del regime di deposito multiplo della versione 2, anche gli spedizionieri merci, i corrieri espressi e gli operatori postali saranno legalmente responsabili della fornitura dei dati.

È opportuno iniziare a prepararsi in anticipo alla versione 2, al fine di evitare il rischio di ritardi e inadempienze.

Per contribuire a preparare l’introduzione della versione 2 dell’ICS2, la Commissione europea metterà a disposizione un ambiente di prova di conformità dal luglio 2022 al febbraio 2023, per poter verificare la capacità dell’operatore economico di accedere e scambiare messaggi con le autorità doganali attraverso l’interfaccia per gli operatori ICS2 prevista. Questa prova di conformità è obbligatoria per tutti gli operatori economici interessati.

Il rilascio 3 sarà attuato a partire dal 1º marzo 2024, imponendo agli operatori che trasportano merci su vie navigabili marittime e interne, strade e ferrovie di conformarsi alle nuove normative.

Leave a Reply