FranciaNews

La tutela del made in France. La prassi.

By 25 Luglio 2022No Comments

Il “Made in France” è un marchio di origine che le aziende possono indicare sui propri prodotti dando rilievo all’affidabilità ed alla realizzazione della merce sul territorio francese.

Considerato il prestigio di tale marchio la dogana francese ha messo in piedi una procedura (FMI) che consente alle aziende di sapere se sui loro prodotti può essere indicato il “Made in France”.

Tale procedura non è obbligatoria.

Le aziende che conoscono le norme di origine non preferenziale possono continuare a gestire autonomamente l’applicazione del made ma laddove vengono ravvisati dubbi può essere chiesto un parere alla Direzione generale delle dogane francesi.

Come avviene in Italia con possibili risvolti penali per falsa o fallace indicazione di origine, anche in Francia la tutela del made in è molto forte

Si ricorda che nessuna disposizione nazionale francese o europea impone l’apposizione di un marchio di origine sui prodotti importati o commercializzati nell’UE, ad eccezione di alcuni prodotti agricoli o alimentari.

L’apposizione del “ Made in ” è quindi, nella maggior parte dei casi, facoltativa.

Per le aziende che volessero un parere delle dogane francesi dovranno compilare un apposito form ed inviarlo a mezzo posta.

La dogana comunicherà all’utente l’accettazione o il rifiuto della domanda entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta.

L’iter di rilascio del parere sul made in france si conclude entro 120 giorni dal completamento della domanda.

Leave a Reply