Dal riconoscimento da parte della Russia delle aree non controllate dal governo degli Donetsk e Luhansk in Ucraina il 21 febbraio 2022 e dall’invasione non provocata e ingiustificata dell’Ucraina il 24 febbraio 2022, l’ UE ha imposto una serie di nuove sanzioni contro la Russia.

Le sanzioni si aggiungono alle misure esistenti imposte alla Russia dal 2014 in seguito all’annessione della Crimea e alla mancata attuazione degli accordi di Minsk.

Da febbraio l’UE ha imposto cinque pacchetti di sanzioni contro la Russia, comprese misure restrittive mirate, sanzioni economiche e misure diplomatiche.

L’UE ha inoltre adottato sanzioni contro la Bielorussia in risposta al suo coinvolgimento nell’invasione dell’Ucraina.

Lo scopo delle sanzioni economiche è imporre gravi conseguenze alla Russia per le sue azioni e contrastare efficacemente le capacità russe di continuare l’aggressione. Le sanzioni individuali prendono di mira le persone responsabili del sostegno, del finanziamento o dell’attuazione di azioni che minano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina o che beneficiano di tali azioni.

In totale, tenendo anche conto delle precedenti sanzioni individuali imposte dopo l’annessione della Crimea nel 2014, l’UE ha sanzionato 80 entità e 1093 persone. L’elenco comprende:

– Il presidente della Russia, Vladimir Putin

– Il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov

– oligarchi legati al Cremlino, come Roman Abramovich

– 351 membri della Duma di Stato russa (la camera bassa del parlamento) che hanno votato a favore del riconoscimento di Donetsk e Luhansk il 15 febbraio 2022

– membri del Consiglio di sicurezza nazionale

– alti funzionari e personale militare

– uomini d’affari di spicco (vale a dire persone attive nell’industria siderurgica russa e altri che forniscono servizi finanziari, prodotti militari e tecnologia allo stato russo)

– propagandisti e attori della disinformazione

– familiari selezionati di alcuni dei suddetti soggetti.

Le sanzioni contro le persone consistono in divieti di viaggio e congelamento dei beni. I divieti di viaggio impediscono alle persone elencate di entrare o transitare nel territorio dell’UE, via terra, aria o mare.

Il blocco dei beni significa che tutti i conti appartenenti alle persone e alle entità elencate nelle banche dell’UE vengono congelati. È inoltre vietato mettere a loro disposizione fondi o attività direttamente o indirettamente. Ciò garantisce che i loro soldi non possano più essere utilizzati per sostenere il regime russo né che possano cercare di trovare un rifugio sicuro nell’UE.

Nell’ambito delle sanzioni economiche, l’UE ha imposto alla Russia una serie di restrizioni all’importazione e all’esportazione. Ciò significa che le entità europee non possono vendere determinati prodotti alla Russia e che le entità russe non sono autorizzate a vendere determinati prodotti all’UE.

L’elenco dei prodotti vietati è concepito per massimizzare l’impatto negativo delle sanzioni per l’economia russa limitando le conseguenze per le imprese ei cittadini dell’UE.

Le restrizioni all’esportazione e all’importazione escludono i prodotti destinati principalmente al consumo e i prodotti relativi alla salute, al settore farmaceutico, all’alimentazione e all’agricoltura, al fine di non danneggiare la popolazione russa.

I divieti sono attuati dalle autorità doganali dell’UE.

Inoltre, l’UE, in collaborazione con altri partner che la pensano allo stesso modo, ha adottato una dichiarazione riservandosi il diritto di smettere di trattare la Russia come la nazione più favorita nel quadro dell’OMC.

L’UE ha deciso di agire su questo non attraverso un aumento delle tariffe all’importazione, ma attraverso una serie di misure restrittive che includono divieti di importazione o esportazione di determinate merci.

L’elenco dei prodotti di vietata esportazione comprende, tra gli altri:

– tecnologia all’avanguardia (es. computer quantistici e semiconduttori avanzati, elettronica e software di fascia alta)

– alcuni tipi di macchinari e mezzi di trasporto

– beni e tecnologie specifici necessari per la raffinazione del petrolio

– attrezzature, tecnologia e servizi per l’industria energetica

– beni e tecnologie dell’aviazione e dell’industria spaziale (ad es. aeromobili, pezzi di ricambio o qualsiasi tipo di equipaggiamento per aerei ed elicotteri, carburante per jet)

– beni di navigazione marittima e tecnologie di comunicazione radio

– una serie di beni a duplice uso (beni che potrebbero essere utilizzati sia per scopi civili che militari), come droni e software per droni o dispositivi di crittografia

– beni di lusso (es. auto di lusso, orologi, gioielli)

Mentre il divieto ai beni in importazioni, proclamato con il quinto pacchetto di sanzioni prevede tra gli altri:

– carbone e altri combustibili fossili solidi (poiché esiste un periodo di sospensione dei contratti in essere, tale sanzione si applicherà a partire da agosto 2022)

– acciaio e ferro

– legno , cemento e alcuni fertilizzanti

– frutti di mare e liquori (es. caviale, vodka)

Le sanzioni sono più efficaci se è coinvolta un’ampia gamma di partner internazionali.

L’ UE ha lavorato a stretto contatto nelle ultime settimane con partner che la pensano allo stesso modo, come gli Stati Uniti, al fine di coordinare le sanzioni.

Leave a Reply