Il Bureau of Industry and Security ha emanato nuove normative intese a prevenire i tentativi da parte di Huawei Technologies Co. Ltd. di aggirare i controlli sulle esportazioni statunitensi per ottenere componenti elettronici sviluppati o prodotti utilizzando la tecnologia statunitense.

Già a maggio infatti il BRI aveva modificato le regole di vendita di semiconduttori necessari allo sviluppo di software e tecnologie nei confronti della società Huawei nel mondo.
Lo scopo, afferma il BIS, è di impedire a Huawei di ottenere chip di fabbricazione estera sviluppati o prodotti dagli Stati Uniti
In una norma separata, BIS ha chiarito che la licenza all’esportazione è necessaria non solo per Huawei ma per tutti quei soggetti, anche intermedi, che possano soddisfare la richiesta della società cinese. Data l’ampiezza della catena di fornitura di Huawei negli Stati Uniti, le aziende dovrebbero sottoporre a screening o riesaminare i dati dei propri clienti, fornitori e di terze parti che potrebbero essere affiliate Huawei per identificare eventuali transazioni in corso e impostare controlli appropriati per garantire la conformità con le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni. Le violazioni possono comportare sanzioni finanziarie significative, negazione dei privilegi di esportazione e danni alla reputazione.

Continua a leggere il nuovo numero del Customs Magazine

Leave a Reply