DigitalizzazioneDoganaImportazione

Corretta indicazione dei certificati nelle dichiarazioni doganali H

By 30 Luglio 2023No Comments

Continuano le implementazioni di sistema al fine di consentire al sistema H di recepire tutte le interazioni con i sistemi comunitari. L’ultimo riguarda i certificati sanitari e veterinari per i quali è stata sviluppata un’interfaccia per il collegamento alla nuova piattaforma CERTEX (Union Custom Single Window Certificate Exchange) messa a disposizione dalla DG Taxud che funge da collegamento con il sistema Traces (TRAde Control and Export System).

La road-map prevede, in una prima fase, l’attivazione dell’interoperabilità per i seguenti certificati:

  • CHED-D (codice documento C678) : Common Health Entry Document for feed and food of non-animal origin (documento sanitario comune di entrata per le partite di alimenti e mangimi di origine non animale).;
  • CHED-PP (codice documento C085) Common Health Entry Documents for Plants and Plant Product (Documento sanitario comune di entrata per le piante e i prodotti vegetali (DSCE-PP) di cui all’allegato II, parte 2, sezione C, del regolamento di esecuzione (UE) 2019/1715 della Commissione)
  • ODS Import (codice documento L100 Ozone-Depleting Substances (Licenza di importazione “sostanze controllate” – ozono).

È opportuno precisare che i certificati dovranno essere riportati con una sequenza bene precisa.

A titolo esemplificativo si riporta la stringa “CHEDD.IT.2023.0012345” + unità di misura

Sulla corretta indicazione di tali certificati sono stati implementati dei controlli automatici a partire dal 10 luglio scorso.

>> Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti di settore redatti e commentati dai nostri esperti

Leave a Reply