Commercio InternazionaleDogana

EPPO indaga su frode doganale riguardante occhiali importati dalla Cina

By 1 Luglio 2024No Comments

Nell’ambito di un’indagine condotta dalla Procura europea (EPPO) su una sospetta frode doganale riguardante occhiali importati dalla Cina, sono state condotte perquisizioni contemporaneamente il 25 e 26 giugno in Belgio, Francia e Paesi Bassi.

Le perquisizioni sono state effettuate da 90 agenti delle forze dell’ordine in 17 località e 25 persone sono state interrogate come testimoni o sospettate.

Nel mirino dell’EPPO c’è una complessa frode doganale che riguarda l’importazione di occhiali dalla Cina in diversi paesi dell’UE.

Questi occhiali correttivi sono fabbricati in Cina utilizzando una linea di produzione a basso costo e sono venduti online a privati.

Si sostiene che la frode consistesse nel sottovalutare illecitamente  il prezzo degli occhiali, venduti su larga scala all’interno dell’UE, per evitare di  pagare le tasse di importazione. Si ritiene che lo schema abbia portato a risparmi in dazi doganali e tasse e potrebbe aver consentito la vendita degli occhiali a un prezzo di mercato inferiore, causando così una concorrenza sleale.

L’indagine è in corso, al fine di accertare l’entità delle presunte attività criminali e il danno finanziario complessivo causato al bilancio dell’UE e agli Stati membri coinvolti nelle transazioni.

Tutte le persone interessate sono presunte innocenti fino a prova contraria da parte dei tribunali competenti.

>>> Ogni mese una nuova Newsletter, iscriviti qui!

Leave a Reply