Accordi preferenzialiUnione Europea

In ratifica l’accordo di libero scambio tra UE e Nuova Zelanda

By 20 Febbraio 2023No Comments

Importante passo avanti per la ratifica dell’accordo commerciale UE-Nuova Zelanda con l’invio del testo al Consiglio, in data 17 febbraio u.s., per la firma. La trasmissione al Consiglio dei progetti di decisioni relative alla firma e alla conclusione dell’accordo è un traguardo notevole: dopo il via libera del Consiglio, l’UE e la Nuova Zelanda potranno firmare l’accordo e sottoporlo al Parlamento europeo per l’approvazione. A seguito di questo passaggio l’accordo potrà entrare in vigore.

Sono previsti importanti vantaggi per l’UE. Secondo le previsioni l’accordo si tradurrà in una crescita degli scambi bilaterali del 30%, con un incremento potenziale delle esportazioni annuali dell’UE che potrebbe toccare i 4,5 miliardi di €. 

Il potenziale di crescita degli investimenti dell’UE in Nuova Zelanda è invece dell’80%. L’accordo renderebbe possibile una riduzione dei dazi per le imprese dell’UE di circa 140 milioni di € all’anno a partire dal primo anno di applicazione.

L’accordo offrirà nuove opportunità alle imprese grazie agli strumenti seguenti:

  • eliminazione di tutti i dazi sulle esportazioni dell’UE verso la Nuova Zelanda;
  • apertura del mercato neozelandese dei servizi in settori fondamentali quali i servizi finanziari, le telecomunicazioni, il trasporto marittimo e i servizi di consegna;
  • garanzia di un trattamento non discriminatorio nei confronti degli investitori dell’UE in Nuova Zelanda e viceversa;
  • migliore accesso delle imprese dell’UE agli appalti pubblici neozelandesi per beni, servizi, lavori e concessioni di lavori;
  • agevolazione di flussi di dati, norme prevedibili e trasparenti per il commercio digitale e un ambiente online sicuro per i consumatori;
  • prevenzione di obblighi ingiustificati in materia di localizzazione dei dati e mantenimento di standard di protezione dei dati personali elevati;
  • supporto alle piccole imprese per incrementarne le esportazioni grazie a un capitolo dedicato alle PMI;
  • riduzione significativa dei requisiti e delle procedure di conformità per consentire un flusso più rapido delle merci;
  • impegni significativi della Nuova Zelanda per proteggere e far rispettare i diritti di proprietà intellettuale, in linea con le norme dell’UE.

 L’accordo commerciale UE-Nuova Zelanda è il primo a integrare il nuovo approccio dell’UE agli scambi commerciali e allo sviluppo sostenibile.

Per la prima volta in un accordo commerciale dell’UE compaiono un capitolo dedicato ai sistemi alimentari sostenibili, un articolo dedicato al commercio e alla parità di genere e una disposizione specifica sul commercio e la riforma delle sovvenzioni per i combustibili fossili. L’accordo liberalizza inoltre i beni e i servizi ambientali al momento dell’entrata in vigore.

Una volta che il Consiglio avrà adottato la decisione relativa alla firma, l’UE e la Nuova Zelanda potranno firmare l’accordo. Il testo sarà poi trasmesso al Parlamento europeo per la sua approvazione. A seguito dell’approvazione il Consiglio potrà adottare la decisione relativa alla conclusione, e quando anche la Nuova Zelanda avrà notificato di aver completato la procedura di ratifica l’accordo potrà entrare in vigore.

 

>> Vuoi internazionalizzare il tuo business? Contattaci, studieremo soluzioni customizzare per ottimizzare i flussi doganali della tua azienda.

Leave a Reply