Dogana

Olaf e ADM insieme per la lotta alla contraffazione

By 25 Febbraio 2024No Comments

L’operazione doganale congiunta Bellerophon si è concentrata sulla potenziale evasione dei dazi all’importazione e dell’IVA relativi a merci, principalmente tessili, calzature e giocattoli, importate nell’UE nell’ambito del cosiddetto regime doganale 42.

L’OLAF e i suoi partner hanno riscontrato tentativi di abusare delle agevolazioni della procedura doganale 42 attraverso i cosiddetti sistemi di “operatori fittizi”. La maggior parte dei casi rilevati dall’operazione riguardavano la rotta marittima Cina-Grecia-Italia, con il porto del Pireo come principale punto di ingresso delle importazioni e l’Italia come principale mercato finale.

Le attività di controllo sono state coordinate con le autorità doganali di altri otto Stati membri dell’UE. La fase operativa, con controlli diretti delle merci alla frontiera, si è svolta tra il 5 e il 23 giugno 2023 e ha individuato diversi commercianti fittizi e importazioni sottovalutate. A queste attività è seguita successivamente una fase post-operativa, conclusasi nel gennaio di quest’anno, consistente in audit sui destinatari finali delle merci in Italia.

Il direttore generale dell’OLAF Ville Itälä ha commentato: “ La JCO Bellerophon ha prodotto risultati molto tangibili a beneficio dei cittadini dell’UE. L’evasione dell’Iva e dei dazi doganali si traduce in una perdita di gettito fiscale, che incide direttamente sulla spesa di un Paese per beni e servizi pubblici a beneficio dei suoi cittadini, come scuole e ospedali. L’IVA è anche una fonte di entrate per il bilancio dell’UE. Gli investigatori dell’OLAF sostengono ormai da anni le autorità nazionali nella lotta alle frodi doganali e continuiamo a impegnarci in tal senso ”.

In seguito ai controlli effettuati durante la JCO Bellerophon sono state sequestrate anche due grosse spedizioni di merce contraffatta. Contengono 127.000 cappelli e articoli di abbigliamento contraffatti, oltre a 4 milioni di pacchetti di sigarette.

 

<<< per restare aggiornato iscriviti alla nostra News Letter qui

Leave a Reply