Commercio InternazionaleDigitalizzazioneDoganaSenza categoriaUnione Europea

PoUS ovvero il T2L e T2LF – nuovi chiarimenti

By 27 Giugno 2024Luglio 5th, 2024No Comments

Con la nota Prot. 348006/RU del 11.06.2024 l’Agenzia delle Dogane e dei monopoli è ritornata sull’argomento PoUS specificando che:

  • seppur la commissione non ha voluto concedere proroghe nell’utilizzo dei T2l e T2LF cartacei ha acconsentito informalmente, ad accettare in casi eccezionali eventuali prove emesse utilizzando ancora i formulari cartacei per quegli SM che hanno difficoltà informatiche;
  • non è possibile presentare una richiesta di rettifica/annullamento di un documento T2L/T2LF rilasciato poichè non è prevista dalla normativa doganale unionale. Al momento, l’unica opzione praticabile è quella di attendere la scadenza del periodo di validità di 90 giorni della prova e, quindi, procedere con la presentazione di una nuova. Tuttavia, ADM concede agli operatori di richiedere l’emissione di un nuovo T2L/T2LF, previo invio di una comunicazione, a mezzo PEC, recante richiesta di “annullamento” del precedente documento;
  • non è possibile emettere un T2L e T2LF cumulativi ma vale per ogni singola spedizione;
  • come la precedente prassi, anche la gestione informatizzata è rimasta invariata in merito alla possibilità di di attestare la posizione unionale delle merci con valore non superiore a euro 15.000 mediante presentazione della fattura o del documento di trasporto, ai sensi delll’art. 199 RE
  • È possibile ottenere un documento T2L/T2LF a posteriori solo prima della scadenza del termine di tre anni del periodo di accertamento.

>> Vuoi approfondire la questione?

Continua con questo articolo poni una domanda ai nostri esperti!

Leave a Reply